sabato 5 dicembre 2015

New policy: we are no longer accepting idiots

che soddisfazione! ho appena eliminato la richiesta d'amicizia di uno che non conosco ma con cui ho molti amici in comune. di solito non rifiuto l'amicizia a nessuno su fb - a meno che non si tratti si spam palese - neanche a gente che nella vita reale non è mia amica, né potrà mai esserlo. sotto determinate circostanze accetto anche dei non conoscenti. ma stavolta, ho dovuto rifiutare perché facendo un giretto sulla bacheca del signore non ho trovato altro che odio razziale e luoghi comuni gretti. purtroppo riscontro la stessa tendenza in un discreto numero di post che i miei "amici" condividono quotidianamente, ma quando ho accettato la loro amicizia: a) non lo sapevo con certezza, e b) ora mi scoccio di eliminare a uno a uno tutti quei contatti che si limitano a un certo livello di assurdità - malcelata, ma pur sempre contenuta - quindi li ignoro e basta. il tempo di fare "elimina" lo perdo solo per quelli che rasentano la miseria mentale. ad ogni modo, questa persona sulla sua bacheca non ha altro che cose riassumibili con "questa è la mia patria, tornatevene al vostro paese, siete tutti terroristi, lucarie' te piace 'o presepe?*", ma così: a c@zzo di cane! perciò ho provato una certa ebrezza a cliccare su "elimina richiesta"... del resto questo è il mio profilo, quindi te ne puoi tornare nel tuo, no? non mi serve un agente inquinante in più, già devo sopportare persone che almeno una volta a settimana si lamentano di gente che scrive "avvolte" per dire "a volte", e si prende il disturbo di spiegarlo così:
"avvolte" e una cosa è "a volte" e un altra cosa. possibile che siete così ignoranti da non capire la differenza?
* ah scusate, no: quest'ultima citazione è effettivamente troppo aulica per il soggetto in esame.

sulla questione #siciliaisoladimerda, ieri pensavo - a ragione - che dopo le dichiarazioni di vecchioni, la sezione "conterraei" dei miei "amici" su fb avrebbe cominciato con certi post da scompisciarsi dal ridere sul cattivissimo cantautore e le nostre stupendosità che proprio loro ignoravano fino a 5 minuti fa. oppure tutti a dare ragione a lui perché effettivamente, il mio vicino, il mio compagno di banco, il mio coinquilino, sono dei siciliani che fanno della sicilia il modello negativo che è. io no però: attenzione! penso a daverio e a quando ha detto che a noi basta dire che siamo pieni di storia fin sopra i capelli per esaurire ogni forma di dovere o responsabilità nei confronti della stessa...
però, pure vecchioni: è come se uno, per esprimere un giudizio su questa minchiata che ha sparato, lo definisse un cantante di merda... mica l'ha detto cantando!

adesso vado, che tra poco comincia il recital di "mio marito", al quale ho promesso davanti a una settantina di persone e la statua di bellini che lo avrei amato anche in prossimità dei suoi concerti.
vi lascio con parole che racchiudono lo stato d'animo da "buttamento di sangue" da fine semestre:
E nce ne costa lacreme st’America[...]comm’è amaro stu ppane!(Bovio - Buongiovanni)